L’opera irraggiungibile | ZonArte 2015 ad Artissima

L’opera irraggiungibile. Esposizione di opere attraverso la narrazione, con molteplici dispositivi è il progetto per l’edizione 2015 del network ZonArte.

L’opera irraggiungibile ha proposto al pubblico di Artissima gli esiti del workshop nel corso del quale un gruppo di giovani ha esplorato l’ambito specifico dei Musei là dove s’incrociano i temi dell’educazione, della formazione, dell’accessibilità e della relazione con il pubblico, partendo da riflessioni sulla natura dell’opera d’arte. Si è trattato di una serie di azioni affidate ai giovani coinvolti nel workshop, che hanno cercato di rendere manifesto ciò che in realtà non era fisicamente presente, perché per questa particolare esposizione, in cui il termine “esposizione” è inteso nella doppia accezione di narrazione e di messa in mostra, si è voluto far riferimento a opere ascrivibili alla categoria dell’irraggiungibile, o perché fisicamente non raggiungibili o perché connotate da un senso d’irraggiungibilità intrinseco. Il workshop è stato realizzato in collaborazione con l’artista Cesare Pietroiusti.

Hanno partecipato al workshop e presentato un'opera irrangiungibile:

Matteo Vinti, Lorenzo Gnata, Simonetta Ribaudo, Valerio Manghi, Andrea Alauria, Andrea Famà, Mohsen Baghernejad, Leardo Sciacoviello, Tecla Latella, Marco Ceroni, Lucia Bricco, Ilaria Boccia, Federica Barbieri, Martina Campione, Elisabetta Reali, Valentina Bassetti, Alessandro Weber.

 

I commenti sono chiusi